imagealt

RIM - Relazioni Internazionali per il Marketing

L’indirizzo “Amministrazione, Finanza e Marketing” si riferisce ad ambiti e processi essenziali per la competitività del sistema economico e produttivo del Paese, come quelli amministrativi, finanziari, del marketing.

Il percorso di AMMINISTRAZIONE, FINANZA, MARKETING prevede i primi due anni uguali per tutti, per poi suddividersi nel triennio in:

  • TRIENNIO RIM
  • TRIENNIO RIM-ESABAC

PIANO ORARIO SETTIMANALE

TRIENNIO RIM

I II III
Italiano 4 4 4
Inglese 3 3 3
Storia 2 2 2
Matematica 3 3 3
Scienze Motorie Sportive 2 2 2
Religione 1 1 1
Seconda Lingua Comunitaria 4 4 3*
Terza Lingua Straniera 3 3 4*
Economia Aziendale e Geo Politica 4 4 6
Diritto 2 2 2
Relazioni Internazionali 2 2 2
Tecnologie della Comunicazione 2 2  
TOTALE 32 32  

* ESABAC V° anno - lingua francese 4 ore - terza lingua 3 ore

L’indirizzo si caratterizza per un'offerta formativa che ha come sfondo il mercato e affronta lo studio dei macrofenomeni economico-aziendali nazionali e internazionali, la normativa civilistica e fiscale, il sistema azienda nella sua complessità e nella sua struttura, con un’ottica mirata all'utilizzo delle tecnologie e alle lingue straniere.

Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing nell’articolazione RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) è in grado di:

  • riferirsi all’ambito della comunicazione aziendale con l’utilizzo di tre lingue straniere e di appropriati strumenti tecnologici;
  • collaborare nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e vari contesti lavorativi;
  • padroneggiare un buon patrimonio culturale.

Ha libero accesso a tutte le facoltà universitarie o al mondo del lavoro!

Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing nell’articolazione RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM – ESABAC), oltre ad aver acquisito le competenze previste dall’opzione RIM, consegue simultaneamente due diplomi, l’ESAME DI STATO italiano e il BACCALAURÉAT francese.

Il rilascio dei due diplomi convalida un percorso scolastico bi-culturale che ha permesso agli studenti di acquisire la lingua e la cultura del paese partner.

Ha libero accesso a tutte le università italiane e francesi

o al mondo del lavoro sul mercato italo-francese!

Le discipline giuridiche, economiche, aziendali e informatiche riflettono questo cambiamento e concorrono a sviluppare un approccio di tipo sistemico e integrato dei loro contenuti che vanno quindi sempre letti nel loro insieme. Un simile approccio persegue anche l’obiettivo di rendere gli apprendimenti più efficaci e duraturi perché basati su una didattica che parte dalla osservazione del reale, essenziale per affrontare professionalmente le problematiche delle discipline in prospettiva dinamica.

Le discipline di indirizzo, presenti nel percorso fin dal primo biennio sia con funzione orientativa sia per concorrere a far acquisire i risultati di apprendimento dell’obbligo di istruzione, si svolgono nel triennio con organici approfondimenti specialistici e tecnologici. Tale modalità, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, consente anche di sviluppare educazione alla imprenditorialità e di sostenere i giovani nelle loro scelte di studio e professionali. Le competenze imprenditoriali, infatti, sono considerate motore di innovazione, competitività, crescita e la loro acquisizione consente di far acquisire una visione orientata al cambiamento, all’iniziativa, alla creatività, alla mobilità geografica e professionale, nonché all’assunzione di comportamenti socialmente responsabili che mettono gli studenti in grado di organizzare il proprio futuro tenendo conto dei processi in atto.

A queste finalità concorre la particolare impostazione data nel quinto anno all’attività didattica che è tesa, in coerenza con quanto indicato nella L. 53/2003, ad approfondire e arricchire col metodo dei casi e dell’area di progetto i contenuti affrontati nel precedente biennio. Lo svolgimento di differenti casi aziendali riferiti a diversi contesti produttivi e al tessuto economico locale, infatti, consente non solo di favorire l’autonomia scolastica e il radicamento sul territorio, ma anche di stimolare negli studenti autonomia elaborativa, capacità di ricerca, abitudine a produrre in gruppo, uso di strumenti efficaci nel rappresentare e comunicare i risultati del proprio lavoro.

L’articolazione “Relazioni internazionali per il Marketing” approfondisce gli aspetti relativi alla gestione delle relazioni commerciali internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche o settoriali e assicura le competenze necessarie a livello culturale, linguistico, tecnico.

[Estratto dall'allegato alla DM n. 4 del 16/01/2012]

Pubblicata il 07-11-2021